Perché consideriamo intelligenti le persone sbagliate